Sfida al Barocco. Roma, Torino, Parigi 1680-1750. Citroniera Juvarriana-Reggia di Venaria, Venaria Reale (Torino)

Sfida al Barocco. Roma, Torino, Parigi 1680-1750. Citroniera Juvarriana-Reggia di Venaria, Venaria Reale (Torino)

Fino al 20 settembre 2020

UN IMPERDIBILE TUFFO NEL BAROCCO

200 opere, in particolare provenienti dal Museo del Louvre, ma con prestiti dai più grandi musei italiani e internazionali.
Un’Europa di fine Seicento e Settecento con un confronto artistico tra Roma e Parigi, i due poli di riferimento culturale dell’intera area; mentre Torino dialoga e intreccia relazioni fruttuose. La tradizione definisce questa “epoca” trionfo del Barocco e del Neoclassicismo, ma questa esposizione indica invece un periodo di forte rinnovamento di tutte le arti.
Tra le tante differenti, ma sempre ottime scelte, è possibile approfondire un’arte sempre protesa verso chi la osserva per catturarne, anche nella maestosità, qualcosa di personale e quasi di “interno”, di umano. Tra i pezzi più belli, opere di Maratti, Trevisani, Conca, Giaquinto, Subleyras, Panini e Batoni. Fino ad arrivare alla fervida Parigi di Boucher e Chardin, o agli scultori come Cametti, Legros, Bouchardon, Ladatte e Collino: Da non tralasciare, anzi da soffermarsi nella visita, davanti a Filippo Juvarra. Un percorso seduttivo, affascinante, anche per i raffinati arredi e per la meravigliosa architettura del luogo.

Info: Reggia di Venaria

Didascalia dell’immagine in alto: Corrado Giaquinto, La partenza di Enea da Cartagine, 1735 circa


Carlo Maratti, Madonna con il Bambino e san Giovannino, 1704

Francesco Natale Juvarra, Placca raffigurante in bassorilievo l’Immacolata Concezione, 1735-1745 circa


Pierre Subleyras, Diana ed Endimione, 1740 ca


Benedetto Luti, Mezzo busto di giovane donna di spalle, 1704 ca


Pierre Subleyras, Nudo femminile di schiena, 1732 circa

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.