Guido Harari. Remain in Light. 50 anni di fotografie e incontri. Mole Vanvitelliana, Ancona

Guido Harari. Remain in Light. 50 anni di fotografie e incontri. Mole Vanvitelliana, Ancona

Fino al 9 ottobre 2022

Guido Harari. Remain in Light è la prima mostra antologica, a cura di Denis Curti, sui cinquanta anni da fotografo di Guido Harari, in un suggestivo percorso espositivo. Il titolo, sfilato al celebre disco dei Talking Heads, Remain in Light, è forse una dichiarazione di intenti, un imperativo, o piuttosto un augurio scaramantico. «Restare in luce» è più dell’esortazione che il fotografo indirizza ai suoi soggetti prima di far scattare l’otturatore: è soprattutto una preghiera, perché la memoria di quanto si è voluto fissare non evapori.
Remain in Light è un diario di incontri, un caleidoscopio, un ottovolante dei momenti di una vita da osservatore di mestiere (o per sensibilità), un percorso che svela un incredibile scrigno di passioni e sentimenti. È lo sviluppo di tante storie che gli sguardi di Guido Harari hanno saputo cogliere e fissare.
Un augurio per il futuro in questo spazio insolito e spontaneamente alternativo, si parla di incontro e di relazione, rispetto e affetto. Musica, arte e bellezza e gioia. Oltre 300 fotografie, installazioni, filmati originali e proiezioni, raccontano tutte le fasi della eclettica carriera di uno dei maggiori fotografi italiani: dagli esordi degli anni Settanta come fotografo e giornalista in ambito musicale, ai ritratti intesi come racconto intimo degli incontri con i maggiori artisti e personalità del suo tempo, da Fabrizio De André a Bob Dylan, Vasco Rossi, Lou Reed, Kate Bush, Paolo Conte, Ennio Morricone, Renzo Piano, Wim Wenders, Giorgio Armani, Carla Fracci, Greta Thunberg, Dario Fo e Franca Rame, Rita Levi Montalcini, Zygmunt Bauman, Josè Saramago, fino all’affermazione di un lavoro che nel tempo ha incluso editoria, pubblicità, moda e reportage. I visitatori saranno guidati in mostra da un’audioguida con la voce narrante dello stesso Harari.
Inoltre, in occasione della mostra, Rizzoli Lizard ha pubblicato un volume omonimo di oltre 400 pagine e 500 illustrazioni, di cui molte inedite, disponibile nelle librerie e sui principali store online.
Il percorso espositivo si compone di otto sezioni, partendo dagli anni Settanta quando Harari, ancora adolescente, inizia a coniugare le sue due grandi passioni: la musica e la fotografia. Si prosegue via via con immagini e sequenze inedite insieme a filmati d’epoca, videointerviste e un documentario di Sky Arte a lui dedicato.
La mostra è promossa dal Comune di Ancona e La Mole, in collaborazione con Rjma progetti culturali, Wall Of Sound Gallery e Maggioli Cultura, col contributo speciale del main sponsor MAN Truck & Bus Italia.

Info: la mostra

Didascalia dell’immagine in alto: Guido Harari, Giorgio Gaber-Enzo Jannacci-Dario Fo


Guido Harari, Patti Smith


Guido Harari, Lucio Dalla


Guido Harari,  Leonard Cohen


Guido Harari, Tom Waits


Guido Harari, Ennio Morricone