De Nittis e la rivoluzione dello sguardo. Palazzo dei Diamanti, Ferrara

De Nittis e la rivoluzione dello sguardo. Palazzo dei Diamanti, Ferrara

Fino al 13 aprile 2020

LA FOTOGRAFIA CAMBIÒ LA VISIONE DELLA REALTÀ

Aveva 21 anni Giuseppe De Nittis quando da Barletta arrivò a Parigi diventando simbolo della rivoluzione dello sguardo di metà Ottocento, 1867 circa. Ma poi fu anche a Londra, mentre la fotografia, non ancora un’arte, diventa influentissima, fino a cambiare il suo volto della realtà. Non si tratta di una retrospettiva, questa di Ferrara, ma di una rilettura del suo intero itinerario artistico evidenziandone l’originalità di cambiare la realtà traducendola sulla tela con inquadrature audaci, giocando con la luce e le atmosfere. Quando dipinge il suo Sud, così come quando interpreta Londra e Parigi, affollate e veloci, De Nittis apre la via al “nuovo sguardo” che preannuncia il nuovo. Pienamente protagonista di quella “rivoluzione dello sguardo a cui nella Parigi di fine Ottocento contribuisce il confronto tra la pittura e i codici della fotografia e dell’arte giapponese. In mostra accanto alle sue opere ci sono fotografie di Edward Steichen,Gustave Le Gray,Alvin Coburn a Alfred Stieglitz, insieme alle prime immagini dei fratelli Lumière.

Info: Palazzo Diamanti

Didascalia dell’immagine in alto: Giuseppe De Nittis, Al Bois, 1873


Giuseppe De Nittis, Alle corse di Auteuil – Sulla seggiola, 1883


Giuseppe De Nittis, Nel grano, 1873

Alfred Stieglitz, Giorno di pioggia a Parigi, 1895

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.