Lunedì 23 Luglio 2018
Home Press Stampa La Realtà Ingannata – Ferroni, Giacomelli, Salvalai
La Realtà Ingannata – Ferroni, Giacomelli, Salvalai Stampa E-mail

giacomelli questo-ricordo-lo-vorrei-raccontare-1998-2000-324-241

Palazzo del Duca, Senigallia

 

Fino al 4 febbraio 2018 - Prorogata all'11 febbaio 2018 

Grandi della fotografia, amatissimi e mai abbastanza ricordati che hanno fatto di Senigallia la città della fotografia. Un marchio di fabbrica che sa di colline, mare, uomini e cose simbolicamente marchigiani. Una scuola irripetibile? Forse. Ci sono nuove leve che fanno presagire come questo stile, questo occhio, questo scatto così scarno, asciutto, graffiante ma mai distruttivo e esasperato, non si è perduto, ma prosegue così come ogni bottega d'artista dove maestri ed allievi si alternano più o meno consapevolmente. Come in questa mostra dove Ferruccio Ferroni e Mario Giacomelli sono narrati da Aristide Salvalai che cura la rassegna realizzata in collaborazione con il Musinf. Oltre centoquaranta opere e alcuni inediti, un vero e proprio viaggio, anche generazionale, nella fotografia senigalliese: dalle quattro serie di Mario Giacomelli - "Scanno 1957-1959", "Verrà la morte ed avrà i tuoi occhi 1955-59", "Il pittore Bastari 1992" e "Questo ricordo lo vorrei raccontare 1998/2000", ai vintage anni cinquanta, le opere degli anni ottanta e i riflessi sulle vetrine di Ferruccio Ferroni, fino ad arrivare agli scatti dello stesso Salvalai, che propone i suoi lavori "Geometrico-formali" e le serie "Incontri sfuggenti 1985-2009","Archeologie 1993-94" e "La sopraggiunta inquietudine 2013-2014". A questo punto è riduttivo continuare a chiamare tutto ciò Scuola del Misa perché non si tratta di un'impronta ma di una forma d'arte storicizzata e riconosciuta ovunque si faccia cultura.

 

Info: la mostra

 

immagine in alto: Mario Giacomelli, Questo ricordo lo vorrei raccontare, 1998-2000

 

 

salvalai incontri-sfuggenti-1988-324-241

Aristide Salvalai, Incontri sfuggenti, 1988

 

giacomelli scanno-1957-1959-324-241

Mario Giacomelli, Scanno, 1957-1959

 

ferroni la-palla-1950-324-241

Ferruccio Ferroni, La palla, 1950

 

Ultimo aggiornamento Sabato 03 Febbraio 2018 16:32
 

Your are currently browsing this site with Internet Explorer 6 (IE6).

Your current web browser must be updated to version 7 of Internet Explorer (IE7) to take advantage of all of template's capabilities.

Why should I upgrade to Internet Explorer 7? Microsoft has redesigned Internet Explorer from the ground up, with better security, new capabilities, and a whole new interface. Many changes resulted from the feedback of millions of users who tested prerelease versions of the new browser. The most compelling reason to upgrade is the improved security. The Internet of today is not the Internet of five years ago. There are dangers that simply didn't exist back in 2001, when Internet Explorer 6 was released to the world. Internet Explorer 7 makes surfing the web fundamentally safer by offering greater protection against viruses, spyware, and other online risks.

Get free downloads for Internet Explorer 7, including recommended updates as they become available. To download Internet Explorer 7 in the language of your choice, please visit the Internet Explorer 7 worldwide page.