Martedì 27 Giugno 2017
Home Magazine Artemisia Gentileschi e il suo tempo.
Artemisia Gentileschi e il suo tempo. Stampa E-mail

Artemisia-Gentileschi-Giuditta-e-Oloferne 2

L’icona femminista non sovrasti la sua arte

Museo di Roma a Palazzo Braschi, Roma

Fino al 7 maggio 2017

 

Accade a volte che la grandezza dell’arte venga condizionata e limitata da chiavi di lettura storico-ideologiche suscitate dalla biografia dell’autore. E’ il caso di Artemisia Gentileschi, in mostra con opere di raro splendore a Palazzo Braschi a Roma fino a maggio. La città, che ha visto manifestare nei giorni scorsi più di 200 donne contro la violenza di genere ne è contenta e consapevole. Artemisia è una delle pochissime pittrici donna conosciute nella storia. Figlia del pittore toscano Orazio Gentileschi, è vissuta nella prima metà del XVII secolo ed ha unito al chiaro rigore disegnativo del padre l’influenza drammatica delle opere del Caravaggio. La donna contribuì a diffondere il caravaggismo a Napoli dove si trasferì nel 1630. Negli anni ’70 del ‘900 le battaglie femministe se ne impossessarono affondando a piene mani nella sua storia personale che la vide lottare per la propria indipendenza e per aver voluto portare a pubblico processo per stupro il pittore Agostino Tassi. Grazie al suo incredibile talento entrò a far parte, quando era ancora molto giovane, all’Accademia delle Arti e del Disegno a Firenze: prima donna! La mostra indica specifiche sezioni: per quella napoletana Nicola Spinosa (cui si deve l’ideazione generale dell’esposizione); mentre per il periodo fiorentino scende in campo Francesca Baldassari e per quello romano Judith Mann. Opere rilevantissime arrivate da Musei di tutto il mondo:‘Ester e Assuero’ del Metropolitan di New York o ‘Giuditta che taglia la testa a Oloferne’ del Museo Nazionale di Capodimonte.l”Autoritratto come suonatrice di liuto’ del Wadsworth Atheneum di Hartford Connecticut e la ‘Giuditta’ di Cristofano. Molto del primo Seicento è raccolto a Palazzo Braschi, con altri famosi capolavori: Giuseppe Ribera, Cristofano Allori, Sim Vouet,Giovanni Baglione e Antiveduto Grammatica.

Info: Museo di Roma

Giuditta-che-decapita-Oloferne-1612-1613I

ArtemisiaJaelSiserax1R-350 239

 

artemisia gentileschi onofrio palumbo susanna e i vecchioni 1652 bologna collezioni della pinacoteca nazionale polo museale dell emilia romagna gallery - 2

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 16 Dicembre 2016 08:44
 

Your are currently browsing this site with Internet Explorer 6 (IE6).

Your current web browser must be updated to version 7 of Internet Explorer (IE7) to take advantage of all of template's capabilities.

Why should I upgrade to Internet Explorer 7? Microsoft has redesigned Internet Explorer from the ground up, with better security, new capabilities, and a whole new interface. Many changes resulted from the feedback of millions of users who tested prerelease versions of the new browser. The most compelling reason to upgrade is the improved security. The Internet of today is not the Internet of five years ago. There are dangers that simply didn't exist back in 2001, when Internet Explorer 6 was released to the world. Internet Explorer 7 makes surfing the web fundamentally safer by offering greater protection against viruses, spyware, and other online risks.

Get free downloads for Internet Explorer 7, including recommended updates as they become available. To download Internet Explorer 7 in the language of your choice, please visit the Internet Explorer 7 worldwide page.